anno scorso

Il debutto del Green pass a Sanremo tra buonsenso e incertezze

La Stampa
La Stampa
E' scattato oggi l'obbligo del Green pass per sedersi in ristoranti e bar al chiuso, per cinema, teatri, musei, palestre e piscine. La novità è stata accolta a Sanremo tra buonsenso e incertezze. Al casinò, il provvedimento ha debuttato un minuto dopo la mezzanotte, alle 10 le guardie giurate incaricate dei controlli hanno accolto i primi clienti delle slot machine, con il Qr code, soprattutto cartaceo, alla mano. "Vengo ancora più volentieri, adesso che c'è questa nuova regola", dice una pensionata di Modena appassionata delle "macchinette". Controlli rigorosi anche all'ingresso dell'Ariston: un gruppo di giovani turisti italiani, che aveva prenotato la visita guidata, ha mostrato agli addetti dello storico teatro il codice direttamente dal cellulare. Tra i ristoratori, invece, dubbi e incertezze. Come il titolare della Trattoria da Tino, in via Gaudio: "Chiediamo i green pass, nel rispetto della legge, anche se non condividiamo questa novità". Alcuni bar hanno eliminato i posti a sedere all'interno del locale. In via Matteotti, particolarmente affollata, in mattinata non si sono visti agenti per i controlli. Di Daniela Borghi, video Manrico Gatti

Guarda altri video

Guarda altri video